Resoconto della conferenza stampa.

 

Alle ore 11,00 del 23 luglio 2011 nella Sala Govi del Teatro della Gioventù l’Associazione Teatro della Gioventù ha illustrato alla cittadinanza ed alla stampa le iniziative intraprese a difesa del Teatro della Gioventù.

La partecipazione del pubblico, degli esponenti del mondo associativo, del volontariato, delle compagnie amatoriali e della cultura è stata davvero numerosa: nonostante la giornata estiva, nonostante la concomitanza di altri eventi e manifestazioni, oltre 300 persone hanno affollato la sala.  Tra gli altri è da citare la presenza e gli interventi del Professor Henriquet dell’Associazione Gigi Ghirotti, di Antonio Escelsior, Presidente Provinciale dell’Ente Sordi, di Carlo Antonio Nicali, Presidente Provinciale del CONI, di Antonio Bazzano, Presidente della Consulta Ligure delle Associazioni Culturali, di Maria Vietz, Attrice e Vicepresidente de “A Compagna”, di Gianni D’Aliesio, Segretario Generale Nazionale della Federazione Italiana Teatro Amatoriale, di Franco Bampi, Presidente de “A Compagna”, di Piero Campodonico, autore e regista della Compagna Gilberto Govi, di Maria Cristina Castellani, ex Assessore Provinciale alla Cultura, di Paolo Cogorno, Presidente della Casa della Musica. Una straordinaria presenza ha poi completato il quadro: Miria Selva, grande interprete teatrale professionista ed ultima attrice vivente della compagnia “Govi” (la famosa “ragazza che soffre… s’offre con l’apostrofo” nella commedia Colpi di Timone). Erano presenti anche numerosi presidenti di compagnie teatrali dialettali ed amatoriali e gli interventi sono stati unanimemente a sostegno dell’attuale gestione del Teatro della Gioventù e soprattutto hanno ribadito la necessità che il Teatro mantenga, anche per il futuro, la caratteristica di teatro popolare e dialettale.

Giunio Lavizzari Cuneo, a nome dell’Associazione Teatro della Gioventù, ha illustrato il “Ricorso straordinario al Presidente della Repubblica” contro il bando regionale per l’affidamento della gestione del Teatro della Gioventù. Il “ricorso” chiede, a seguito di gravi vizi formali e procedurali, l’annullamento del bando stesso, dell’assegnazione provvisoria ad altra società e, in attesa del giudizio di merito, richiede anche un immediato provvedimento di sospensiva. Le motivazioni giuridiche sono state illustrate dall’Avvocato Graziani dello Studio Paolessi che ha predisposto l’atto, già in corso di notifica.

Nel corso del dibattito, molto partecipato e “colorito” anche da brillanti interventi degli attori presenti, è altresì emersa la ferma volontà di tutti a intraprendere ogni possibile iniziativa a tutela del Teatro della Gioventù che viene da tutti considerato “bene comune” della nostra regione. La proposta di inviare email e cartoline al Presidente Burlando è stata accolta con favore e saranno anche attivati banchetti per la raccolta di firme già dai prossimi giorni.

Infine la proposta di Piero Campodonico che ha riscosso entusiastiche approvazioni e ampia disponibilità: “laddove tutte le iniziative in corso fallissero, è necessario occupare il teatro”.  Ovviamente l’auspicio di tutti è che la vertenza si ricomponga, ma se ciò non avvenisse credo che la Regione Liguria debba concretamente attendersi che ciò possa accadere. 


Torna alla Pagina Iniziale