IL TEATRO DELLA GIOVENTÙ,

così come lo abbiamo conosciuto in questi sei anni,

NON CI sarà PIù:

niente operette, niente commedie dialettali,

niente commedie brillanti, niente musica, niente opera.

 

 

Cari amici,

prima di tutto desidero ringraziarvi di cuore, anche a nome di tutto lo staff tecnico ed artistico del Teatro della Gioventù, per la vicinanza e l’affetto che ci avete dimostrato. L’amarezza e il dolore che le note vicende ci hanno causato sono stati mitigati dalla solidarietà e dalla presenza di tantissimi cittadini che, come voi, ci sostengono e ci incoraggiano.

È stata una vera rivolta contro i soprusi della politica e della pubblica amministrazione, una rivolta civile e dignitosa, ma una autentica rivolta. Grazie a tutti voi.

Purtroppo la Regione Liguria non ha voluto ascoltare le nostre ragioni e le vostre proteste e ha deciso di proseguire lungo la strada intrapresa.

Ci è stato persino negato l’accesso agli atti amministrativi che hanno determinato l’assegnazione del Teatro della Gioventù ad un’altra società: se non avevano nulla da nascondere, se tutto è regolare, perché impedirci di vedere i documenti?

Ma non basta: qualcuno ha manomesso le bacheche all’esterno del teatro ed ha portato via i manifesti di protesta che avevamo affisso, forse quei manifesti davano fastidio alla coscienza sporca di qualcuno….

Abbiamo comunque sporto denuncia per danneggiamento e furto aggravato e abbiamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica perché indaghi sulle “strane anomalie” che hanno contraddistinto la gara per l’assegnazione del Teatro della Gioventù e perché svolga indagini sulla correttezza dell’operato dei funzionari della Regione Liguria che hanno anche firmato il contratto con la società romana senza neppure chiedere la presentazione della documentazione comprovante quanto da loro dichiarato con autocertificazione al momento della partecipazione alla gara.

Adesso la Regione Liguria ci ha notificato un proprio decreto con il quale ci intima di abbandonare il Teatro della Gioventù e, in caso di mancata nostra ottemperanza, ci notifica che il giorno

LUNEDI’ 26 SETTEMBRE 2011 ALLE ORE 11,00 PROCEDERA’ ALL’ESECUZIONE D’UFFICIO DEL PROVVEDIMENTO CON L’AUSILIO DELLA FORZA PUBBLICA

Siamo quindi all’epilogo, non possiamo che piegarci dinanzi alla violenza ed al sopruso, ma ho deciso un’ultima azione di protesta che voglio comunicarvi:

LUNEDI’ 26 SETTEMBRE ALLE ORE 11,00 MI INCATENERO’ ALLA PORTA D’ACCESSO AL TEATRO PER UN’ULTIMA AZIONE DI PROTESTA.

Un ringraziamento a tutti voi… abbiamo perso una battaglia, ma non è detta l’ultima parola: continueremo le azioni legali già intraprese con la certezza che alla fine otterremo giustizia.

                                                                                                           Giunio Lavizzari Cuneo

 

Diffondi questo messaggio:

Dopo sei anni di lusinghieri risultati la Regione Liguria ha deciso di affidare la gestione del Teatro della Gioventù ad un’altra società. Si tratta di una società che beneficia da anni dei finanziamenti del FUS (fondo unico dello spettacolo) e quindi il Teatro della Gioventù diventerà un altro teatro “assistito” ovvero mantenuto con il denaro pubblico. L’Associazione Teatro della Gioventù ha lavorato per 6 anni senza alcun finanziamento pubblico e pagato un elevato canone alla Regione Liguria, ma evidentemente ciò non conta. Il Teatro della Gioventù ha ospitato per 6 anni le migliori compagnie amatoriali e dialettali della Liguria, eventi di spettacoli a livello internazionale, convegni, dibattiti, incontri, ma evidentemente ciò non è importante. In poche parole il Teatro della Gioventù è diventato un punto di riferimento importante per tutta la regione, ma evidentemente ciò non interessa a nessuno.

La perdita del Teatro della Gioventù è gravissima: significa che non sarà più un teatro disponibile ad ospitare nel proprio cartellone le compagnie amatoriali e dialettali, significa chiudere, di fatto, uno spazio teatrale a Genova, significa rinunciare all’unico teatro libero di Genova per trasformarlo in un altro teatro assistito. Significa, infine, anche precludere gravemente il rilancio del Teatro Verdi di Sestri Ponente per quale, dallo scorso anno, l’Associazione Teatro della Gioventù si è impegnata con ogni energia possibile.

INIZIATIVA A SOSTEGNO DEL TEATRO DELLA GIOVENTÙ:
PER FAR SENTIRE LA NOSTRA VOCE, SCRIVI AL PRESIDENTE BURLANDO
Indirizzo email: presidente.giunta@regione.liguria.it

Testo: RIVOGLIAMO IL NOSTRO TEATRO – (firma)

 

Aderisci alla nostra Protesta Guarda la conferenza stampa

 

Torna alla pagina iniziale